Filosofia della permacultura
Perché optare per la permacultura utilizzando la nostra pacciamatura di miscanto? Grazie alla permacultura puoi coltivare in modo sano e ad un costo inferiore: meno irrigazione, niente aratura, niente apporti chimici che inquinano il terreno. Niente nitrati, niente glifosati In generale, la permacultura è più razionale per l’alimentazione dei vigneti. I vantaggi dela nostra pacciamatura: Mantiene la temperatura del suolo Limita le erbe infestanti. Riduce l’evaporazione in estate Non acidifica la terra Rappresenta un repellente naturale per lumache
Vini,Permacultura,viticoltore,glifosato,Miscanthus,letame verde,copertura vegetale
16354
page-template-default,page,page-id-16354,bridge-core-1.0.5,ajax_fade,page_not_loaded,,qode-theme-ver-18.1,qode-theme-bridge,disabled_footer_bottom,qode_header_in_grid,wpb-js-composer js-comp-ver-6.0.2,vc_responsive
 

Filosofia della permacultura nei terreni dei vigneti

Tu che rappresenti la nuova generazione di consumatori, attraverso le tue azioni di acquisto hai un ruolo determinante nell’industria alimentare con le tue aspettative ambientali e sociali. In base alle tue scelte, fai in modo che produttori e operatori del settore ascoltino, ossservino la terra, non più come una roccia inerte, ma come un essere vivente sensibile ai capricci del mondo troppo moderno degli ultimi 50 anni.

Ascoltare la terra, osservare i suoi abitanti e il microbiota, sono specifici dell’uomo che ha le sue radici nella terra. Sia nella foresta pluviale amazzonica, in un canneto di erba elefantina, in un vigneto erboso, un mondo vivente si muove ai nostri piedi. Sarà sufficiente dare al microbiota un riparo e da mangiare e lavorerà la terra per noi.

35 anni di esperienza * nel campo dell’enologia e la coltivazione ragionata della vite,

25 anni di esperienza ** nella permacultura con canne, arricchiscono la nostra preparazione sulla permacultura nei terreni dei vigneti francesi.

La permacultura è un nuovo approccio alla cultura dei vigneti, rispettoso della biodiversità di ciascun ecosistema, che si affida alla natura piuttosto che alla chimica.

Questo metodo di coltivazione è una vera alternativa al giardinaggio tradizionale poiché consente di coltivare il tuo orto in armonia con la natura, senza arare e senza pesticidi o altri apporti chimici inquinanti. Inoltre, la permacultura richiede pochissima manutenzione.

La permacultura del terreno è più divertente, c’è più soddisfazione e meno lavoro.

Perché optare per la permacultura utilizzando la nostra pacciamatura di miscanto?

 

Grazie alla permacultura puoi coltivare in modo sano e ad un costo inferiore: meno irrigazione, niente aratura, niente apporti chimici che inquinano il terreno.

 

Niente nitrati,
niente glifosati

 

In generale, la permacultura è più razionale per l’alimentazione dei vigneti.

 

I vantaggi dela nostra pacciamatura:

  • Mantiene la temperatura del suolo
  • Limita le erbe infestanti.
  • Riduce l’evaporazione in estate
  • Non acidifica la terra
  • Rappresenta un repellente naturale per lumache

 

Scopo

Lo scopo dei vigneti permaculturali è quello di soddisfare le nostre esigenze migliorando nel contempo il nostro ambiente, in particolare sviluppando la biodiversità, stimolando e rigenerando la vita microbica del suolo in modo naturale (batteri, funghi, lombrichi, artropodi, insetti, ecc.) arricchendo il terreno…. Per raggiungere questo obiettivo, avrai bisogno di una buona pacciamatura sotto il canaletto, sopra il filare.

L’ABC della permacultura: non lasciare mai il terreno nudo!

Usa sempre “mulch”, vale a dire pacciamatura, per mantenere l’umidità nel terreno. La pacciamatura calibrata di canne fornisce una copertura perenne che ben si adatta alle giovani piante e si adatta facilmente in ogni angolo e fessura del filare. Non acidifica il terreno, fornisce una copertura densa contro la flora avventizia e protegge bene le radici delle piante dalla siccità. Inoltre, la nostra paglia limita l’evaporazione dell’acqua durante l’estate.

Nutrire, stimolare e rigenerare la vita microbica del suolo!

La nostra pacciamatura, composta per l’88% da materia organica, è ricca di sostanze nutritive come azoto, fosforo e potassio. Questi macronutrienti che abbiamo combinato con ossido di calcio (CaO) e ossido di magnesio (MgO) stimolano la vita microbica nel suolo e migliorano la sua struttura.

L’apporto di carbonio è sotto forma di lignina (legno), cellulosa (paglia), saccaride e proteine (letame verde). Il carbonio combinato con i macronutrienti nutre le tue piante, quindi diviene essenziale per la crescita e la qualità di queste ultime.

Perché la vita microbica è così importante?

I microrganismi (batteri) e la fauna (lombrichi, artropodi, ecc.) permettono di trasformare la materia organica decomposta (animali, vegetali, ecc.) in humus. L’humus è lo strato superiore del terreno, nutre il tuo orto fornendo l’acqua e i nutrienti (azoto e fosforo, tra gli altri) di cui ha bisogno. Questo ecosistema microbico si nutre principalmente di materia organica. Quindi se non c’è materia organica, non c’è vita del suolo e senza vita del suolo, non c’è humus!

I lombrichi formano gallerie profonde fino a due metri. Queste gallerie facilitano la discesa dell’acqua nel terreno. In questo modo, l’acqua penetra più facilmente nella terra.

Le gallerie formate dalla fauna combinate con il “mulch” che limita considerevolmente l’evaporazione dell’acqua assicurano un terreno umido per lungo tempo richiedendo quindi meno irrigazione.

Non c’è più bisogno di arare il terreno!

L’aratura distrugge l’habitat dei microrganismi (vermi, insetti e funghi) causando morte, squilibri e lunga disorganizzazione.

In mancanza di questi microorganismi, il suolo smette di lavorare e ne deriva una sterilità momentanea o totale se l’aratura si ripete spesso.

L’aratura profonda distrugge per ossidazione la materia organica e quindi l’humus. L’humus trattiene l’acqua e i nutrienti di cui le tue piante hanno bisogno. Se l’humus viene distrutto, i terreni non possono più trattenere l’acqua e sono quindi più sensibili all’erosione.

L’aratura porta quindi all’impoverimento dei terreni nella materia organica, alla distruzione dell’humus e alla lisciviazione dei terreni.